La gazzetta di Parma parla del successo del nostro Vermouth di Torino Gamondi.
Ecco cosa scrive.

nature

Attorno al 1890 ad Acqui Terme, in provincia di Alessandria, vede la luce una storica distilleria per volontà di un grande esperto di spezie e di erbe, Carlo Gamondi, con l’intento di cimentarsi in bevande toniche e amaricanti e più in là nel tempo di vermouth, amari, grappe. Acqui Terme, detta «città delle Terme» e pertanto città turistica, fu da subito attratta dalla gamma di bevande prodotte da Gamondi, con estimatori anche oltre i confini piemontesi, diventando in breve punto di riferimento dei suoi prodotti. Tutto ciò a conferma dei numerosi premi e riconoscimenti ottenuti oltre i confini regionali e nazionali. Alla fine del secolo scorso, ovvero negli anni Novanta, la Gamondi, per mancanza di eredi, abbandonò la produzione ma non il marchio, che continuò a vivere con una nuova gestione, Casa Toso, imponendosi sul mercato con il suo famoso Vermouth di Torino Gamondi. La ricetta storica messa a punto dal vecchio speziale è stata aggiornata e rielaborata accentuando in particolare alcuni elementi botanici, come la Chinina Calissaia, la Cascarilla, la Genziana e il Ginepro, ottenendo un gusto più attuale nella sua componente amaricante come evidenziato nelle due versioni dei Vermouth Bianco e Rosso. Nel primo spicca il profumo raffinato ed elegante del sambuco, nel secondo quello del coriandolo e del macis per una speziatura dolcemente esotica. Poi passiamo ai top di gamma. Il Vermouth di Torino Superiore Bianco Gamondi sottolinea note fiorite di assenzio e sambuco, cardamomo e pepe, il tutto splendidamente amalgamate con la profumatissima vaniglia del Madagascar. Infine il Vermouth di Torino Superiore Rosso Gamondi nasce da un magistrale connubio di infusioni di erbe e spezie nel Moscato d’Asti Docg, e si contraddistingue per le note aromatiche intense dei chinotti liguri, le cui scorze vengono infuse fresche, e dei fiori di artemisia. Al naso magistralmente agrumato e la bocca ritorna a segnare il gusto amarotico-balsamico.