In casa Toso rinasce il Vermouth di Torino Superiore Gamondi.

nature

Da una ricetta originale di fine Ottocento, ideata da Carlo Gamondi, fondatore dello storico omonimo marchio piemontese di Vermouth, nasce in Casa Toso un prodotto unico e straordinario, il Vermouth di Torino Superiore Gamondi. È sufficiente guardare al particolare metodo produttivo per capire in cosa consiste la superiorità di questo Vermouth, dal gusto nuovo e dal profilo sensoriale inimitabile.

UNA STORIA ANTICA E RINNOVATA 

A fine ‘800, Gamondi produceva il suo Vermouth organizzando l’infusione delle erbe e delle spezie principali suddividendole in gruppi di una certa omogeneità. Per ogni gruppo adottava rapporti differenti tra quantità di alcool e quantità di erbe aromatizzanti, con tempi di infusione anch’essi modulati in base al tipo di erbe e spezie. Potremmo definirla una ricetta "scomposta", di certo complessa, che richiede una puntuale conoscenza delle proprietà aromatizzanti e una competenza tecnica anch’essa superiore. Nel produrre il nuovo Vermouth di Torino Superiore Gamondi gli specialisti hanno seguito alla lettera le indicazioni riportate nella ricetta originale, con alcuni accorgimenti tecnici derivanti dall’esperienza consolidata. La metodologia produttiva si è adeguata ai tempi della natura: ogni erba è stata raccolta nel giusto periodo e i tempi di infusione dei vari gruppi di erbe aromatizzanti sono stati differenti, con un successivo periodo di affinamento di circa un anno, per facilitare l’armonizzazione del prodotto nel suo insieme. Per poterlo riprodurre, i mastri vermuttieri di Casa Toso hanno varato un metodo molto accurato, con l’impiego di materie prime prestigiose e di grande qualità e l’applicazione di sistemi di lavoro accurati e rispettosi degli ingredienti in lavorazione e dei loro caratteri. Per riprodurre oggi con moderne competenze la sapienza di fine ‘800. Il vino di base è costituito per il 51% di Moscato d’Asti Docg, che conferisce particolare finezza aromatica, completato da Piemonte Cortese Doc, con la volontà di un prodotto di solo vino piemontese. Per l’uso del Moscato d’Asti in tale produzione, l’azienda Toso - specializzata in Spumanti e liquori - ha chiesto e ottenuto l’autorizzazione da parte del Consorzio dell’Asti, responsabile della tutela di tale denominazione.
Il Vermouth di Torino Superiore Gamondi ha un colore ambra deciso con unghia tendente al giallo dorato. Al profumo, ricco è il complesso floreale e agrumato, accompagnato da note balsamiche e resinose, eteree e speziate (cannella, vaniglia, anice). In bocca dà sensazioni di calore, pienezza e rotondità, sulle quali poi tende a prevalere una lunga nota amaricante che accompagna nel tempo. Buone anche le sensazioni di fragranza e acidità Nell’insiemeha “un complesso armonico ed elegante” che lo accredita non solo al tradizionale bere miscelato, ma alla tendenza più recente di consumarlo liscio o addizionato di ghiaccio. Due sono i Vermouth di Torino, entrambi di notevole gradevolezza e individualmente ben caratterizzati: il Vermouth di Torino, prodotto con l’impiego di vino italiano al 100% e con gradazione alcolica di 18% Vol; il Vermouth di Torino Superiore, prodotto con l’impiego di vino piemontese al 100% e con la presenza del 51% di Moscato d’Asti Docg. La gradazione alcolica è di 18% Vol. 

 

LA BARTALES TOSO COCKTAIL COMPETITION 2019 

Si è svolta presso il Museo Enologico Toso di Cossano Belbo, in provincia di Cuneo, la Bartales Toso Cocktail Competion 2019 in cui 16 bartender si sono sfidati a colpi di shaker creando cocktail originali legati al celebre scrittore e poeta Cesare Pavese, originario della Valle Belbo. La competizione li ha visti impegnati a sviluppare cocktail ispirati dalla vita e dalle opere di Cesare Pavese. Protagonista indiscusso è stato il meglio dei prodotti Toso: amaro Toccasana, Vermouth di Torino Superiore Gamondi e Asti Secco DOCG Toso sono stati utilizzati come ingredienti di base per creare ricette piene d’inventiva. Il vincitore assoluto è stato Sean Merello, bartender genovese che con il suo cocktail "In memory of an american friend" ha conquistato i cuori e i palati di una giuria composta da critici e degustatori d’eccellenza. Il cocktail, valutato in tutti i suoi aspetti - dalla presentazione, al piacere visivo e gustativo, fino all’ecosostenibilità - ha come ingrediente principale il Vermouth di Torino Superiore Gamondi Rosso.

In memory of an american friend

INGREDIENTI PER 1 BICCHIERE 

• 30 ml Bourbon Whisky 

• 30 ml Gamondi Vermouth di Torino Superiore Rosso 

• 10 ml Liquore alla nocciola 

• 2 dash Chocolate bitter

La ricetta di questa raffinata opera di mixology è stata creata con la tecnica del Mix and Strain.

Va servito in una coppa Michelangelo, guarnito da canestrelli alla nocciola e bianco di Monferrato. Questo cocktail vincente unisce tradizione, territorialità, innovazione e ispirazioni letterarie in un mix davvero unico.