È una prestigiosa tripletta quella messa a segno da Gamondi, storico marchio della tradizione piemontese, Meininger's International Spirits Award Isw, tra le più importanti competizioni internazionali dedicate al mondo degli spirits e dei vini. Nella diciassettesima edizione del concorso, il brand di casa Toso, produttore di vini, spumanti e liquori con sede a Santo Stefano Belbo (Cuneo), ha conquistato due medaglie d’oro, andate al Vermouth di Torino Superiore Rosso e al Bitter Gamondi, con il primo che, in più, si è aggiudicato anche il titolo di Vermouth dell’anno 2020.

nature

Prodotto recuperando l’originale ricetta di fine Ottocento creata da Carlo Gamondi, il fondatore del marchio, Vermouth di Torino Superiore Rosso Gamondi è ottenuto utilizzando esclusivamente uve piemontesi. La sua base è costituita infatti al 51% da di Moscato d’Asti Docg, cui deve la particolare finezza aromatica, completata da Cortese Doc. In quest’ultimo viene infusa la principale botanica, l’assenzio piemontese, botaniche completate poi da scorze fresche di arance amare liguri e altre erbe o spezie, come la vaniglia del Madagascar, lo zafferano, la mirra e il sandalo rosso. Dal colore ambra con unghia tendente al giallo dorato, il Vermouth di Torino Superiore Gamondi (alc. 30% in vol) spicca per il suo ricco e complesso profumo floreale e agrumato, accompagnato da note balsamiche e resinose, eteree e speziate di cannella, vaniglia e anice. In bocca dà sensazioni di calore, pienezza e rotondità, sulle quali poi tende a prevalere una lunga nota amaricante che accompagna nel tempo. Peculiarità che hanno colpito il panel di giudici, composto da esperti internazionali del settore, che hanno premiato il prodotto con la medaglia d’oro e con il titolo di Vermouth dell’anno.
Ma la qualità delle produzioni Gamondi è stata confermata dall’altra medaglia d’oro assegnata a Bitter Gamondi (alc 25% in vol), l’aperitivo ottenuto dall’infusione di erbe e piante aromatiche. Dal colore rosso intenso, si caratterizza al naso per il profumo forte e deciso, mentre in bocca è secco e decisamente amaricante. Un prodotto ideale per la miscelazione, ma che che si fa apprezzare anche servito on the rocks o freddo con una scorza d’arancia.

Leggi l'articolo su bargiornale.it